Turisti a Napoli di Pino Alfieri, Notturno metafisico al chiaro di luna di Antonio Pirozzi e Caduta di Ercole Facin (Opera della settimana in blog)

Eccoci alla quinta opera pubblicata nel nostro blog della rubrica “Opera della settimana in blog”. Ogni settimana, infatti, scriveremo un articolo su un opera aggiunta e che ha più colpito gli utenti del sito mediajob e lo staff mediajob. La prima opera che abbiamo presentato é “Dipinti nel tempo, Fiori del giardino” dell’artista Giuliana Griselli. La seconda opera che, invece, abbiamo premiato, é stata “L’albero dei profumi” dell’artista Emanuela Ragusa. La terza opera premiata sono 2 in ex equo e cioè l’opera “Portofino – Calata Marconi” dell’artista Francesco Cassanelli e l’opera “Energia” dell’artista Emanuela Ragusa. La quarta opera che, invece, andiamo a presentare sono 3 in ex equo e cioè l’opera “Riomaggiore” dell’artista Francesco Cassanelli, l’opera “L’ira dei cieli” dell’artista Emanuela Ragusa. e l’opera “A piedi nudi” di Barbara Benvegnu’.

La quinta opera che, invece, andiamo a presentare sono 3 in ex equo e cioè l’opera “Turisti a Napoli” dell’artista Pino Alfieri, l’opera “Notturno metafisico al chiaro di luna” dell’artista Antonio Pirozzi, e l’opera “Caduta” di Ercole Facin. Abbiamo scelto queste opere per la bellezza delle opere che il  nostro bravo artista Pino Alfieri e i nostri bravi Ercole Facin e Antonio Pirozzi hanno mostrato e per premiare, inoltre, la loro partecipazione attiva al sito nell’aggiunta di opere e commenti.

  1. Turisti a Napoli: Opera colori ad olio su tela. Puoi vedere tutte le opere dell’artista Pino Alfieri mentre puoi trovare tutte le info dell’opera “Turisti a Napoli” al seguente link: http://www.mediajob.eu/portfolio-item/turisti-a-napoli/ .
  2. Caduta: Pittura ad olio su tela sabbiata….misure 40 x 50….La pedata di un alieno manda una figura malefica tra di Noi. Puoi vedere tutte le opere dell’artista Ercole Facin mentre puoi trovare tutte le info dell’opera “Caduta” al seguente link: http://www.mediajob.eu/portfolio-item/caduta/ .
  3. Notturno metafisico al chiaro di luna: notturno metafisico al chiaro di luna – olio su tela 50×60 – anno di realizzazione 2018. Puoi vedere tutte le opere dell’artista Antonio Pirozzi mentre puoi trovare tutte le info dell’opera “Notturno metafisico al chiaro di luna” al seguente link: http://www.mediajob.eu/portfolio-item/notturno-metafisico-al-chiaro-di-luna/ .
Commenti (1)
Info
Categoria:
Creato:
Aggiornato:
In evidenza
Torta alla birra Guinness al cioccolato

Torta alla birra Guinness al cioccolato

La Guinness cake al cioccolato è una morbida e golosa torta, aromatizzata con birra Guinness, che ricorda un boccale della famosa birra irlandese grazie al contrasto di colore tra la base di colore scuro e la copertura di crema bianca. La Guinness cake al cioccolato è realizzata da una tenera torta al cacao preparata con burro, zucchero di canna, uova e birra Guinness, che le dona un sapore e un retrogusto caratteristico e speciale, ricoperta da una crema fatta con mascarpone, philadelphia e zucchero a velo, dalla consistenza densa e cremosa, spatolata sulla superficie della base in modo da creare dei ciuffi. La Guinness cake al cioccolato è una torta davvero deliziosa e molto bella da prese
Earth Overshoot Day, da oggi le risorse della Terra sono finite: ci servirebbero 1,7 pianeti

Earth Overshoot Day, da oggi le risorse della Terra sono finite: ci servirebbero 1,7 pianeti

Le risorse della Terra finiscono a mezzanotte: in 7 mesi abbiamo esaurito ciò che il Pianeta può generare in un anno, con 6 giorni di anticipo rispetto al 2016. Lo scorso anno è stato l'8 agosto. Nel 2017, il giorno della vergogna è arrivato prima: è il 2 agosto l'Overshoot Day, la X sul calendario che indica il giorno in cui l'umanità ha esaurito tutte le risorse che il Pianeta aveva "messo a budget" per l'anno intero. In pratica attraverso la pesca sconsiderata, la deforestazione, l'utilizzo d'acqua, l'estrazione di combustibili fossili, le attività agricole, il consumo di territorio per l'allevamento, le attività minerarie e via dicendo, abbiamo finito le risorse che la Terra è capace di